In Piazza del Duomo a Pisa, vicino al Campanile ed al Campo Santo, c’è il Battistero di San Giovanni. Detto anche semplicemente Battistero di Pisa, il monumento è dedicato a San Giovanni Battista, e si innalza di fronte alla facciata ovest del Duomo. Dotato di un’eccellente acustica, il Battistero di San Giovanni al suo interno si presenta sorprendentemente privo di decorazioni, e quindi molto semplice dal punto di vista artistico. Il fonte battesimale presente all’interno risale al 1246 e presenta una forma ottagonale. Costruito da Guido Bigarelli da Arogno, il fonte battesimale, posto su tre scalini, ha al centro la scultura in bronzo di San Giovanni Battista che fu realizzata dallo scultore italiano Italo Griselli.

Battistero di San Giovanni Pisa costruito in oltre due secoli

Come per la torre di Pisa, anche per il Battistero di San Giovanni ci sono voluti due secoli e più per la sua realizzazione. La data di fondazione, infatti, risale al 1152 con la prima fase della sua edificazione diretta dall’architetto Diotisalvi per poi passare, agli inizi del XIII secolo, a Guidetto e poi prima a Nicola Pisano, dal 1260, e successivamente a Giovanni Pisano. I lavori a questo punto vennero interrotti per poi essere ripresi nel Trecento quando il Battistero di San Giovanni fu completato con l’edificazione della copertura.

Battistero Pisa è il più grande d’Europa

Con un’altezza di circa 55 metri, ed una circonferenza che supera i 107 metri, quello di San Giovanni Pisa è il Battistero più grande d’Europa nonché uno dei capolavori dell’architettura romanica pisana. Per la realizzazione del Battistero, in particolare, è stata tratta ispirazione dal Pantheon di Roma e dal Santo Sepolcro di Gerusalemme con una struttura interna sostanzialmente simile a quella della torre di Pisa.

La sua copertura a doppia cupola rende eccezionale, come sopra accennato, l’acustica visto che all’interno del monumento, effettuando delle brevi intonazioni vocali, è possibile assistere all’eco. In particolare, per assistere all’eco basta al più attendere trenta minuti in quanto ogni mezz’ora è il personale in servizio che, intonando qualche nota, dà al pubblico dei visitatori la possibilità di ascoltare quello che è il magico riverbero prodotto all’interno del maestoso cilindro del Battistero di San Giovanni.

Biglietti di ingresso e orari al Battistero di San Giovanni

In accordo con quanto riporta il sito Internet dell’Opa Pisa, ovverosia l’Opera della Primaziale Pisana che è un ente laico-ecclesiastico, il biglietto di ingresso per il Battistero di San Giovanni è di 5 euro a persona ed è comprensivo dell’ingresso alla Cattedrale. Per la visita a due monumenti a scelta tra il Battistero, il Camposanto ed il Museo delle Sinopie, il biglietto costa 7 euro a persona e comprende sempre l’ingresso alla Cattedrale. Per tutti e tre i monumenti e la Cattedrale si pagano invece 8 euro a persona. Per la visita non solo al Battistero di San Giovanni, ma anche al Museo delle Sinopie ed al Camposanto, l’ingresso è in ogni caso gratuito per i disabili con il loro accompagnatore esibendo un documento o una certificazione idonea.

L’ingresso al Battistero di San Giovanni è gratuito pure per i bambini aventi un’età inferiore a 11 anni a patto però che questi siano accompagnati da un visitatore adulto. Sono inoltre previste riduzioni sul costo del biglietto di ingresso per i gruppi scolastici, composti almeno da dieci studenti con un accompagnatore adulto, previa esibizione, su carta intestata della scuola, della lista di tutti i partecipanti. Il Battistero di San Giovanni si può visitare dalle ore 9 alle ore 18, con orario continuato e con l’ingresso che è consentito fino a 30 minuti prima dell’orario di chiusura.