Battistero Neoniano Ravenna

Il Battistero Neoniano fa parte dell’arte ravennate e rappresenta per il culto cattolico il fondamento della vita cristiana visto che celebra quella che è la fede nel battesimo. Risalente al V secolo, il Battistero Neoniano è detto anche Battistero degli Ortodossi in quanto all’epoca veniva messa in risalto la differenza e la contrapposizione tra il culto della religione cristiana e quello della dottrina trinitaria dell’arianesimo. Fu il vescovo romano Orso, venerato come santo dalla Chiesa cattolica, a volere la costruzione del Battistero che poi proseguì a sua volta per volere del vescovo Neone da cui il monumento ha preso il nome.

Battistero Neoniano tra i siti Unesco

Il Battistero Neoniano dal 1996 fa parte dei siti di Ravenna che l’Unesco ha inserito tra i patrimoni dell’umanità insieme ad altri sette monumenti paleocristiani che sono il Mausoleo di Teodorico, la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, il Battistero degli Ariani, la Basilica di Sant’Apollinare in Classe, la Basilica di San Vitale, la Cappella Arcivescovile ed il Mausoleo di Galla Placidia. La motivazione Unesco è stata la seguente: ‘L’insieme dei monumenti religiosi paleocristiani e bizantini di Ravenna è di importanza straordinaria in ragione della suprema maestria artistica dell’arte del mosaico. Essi sono inoltre la prova delle relazioni e dei contatti artistici e religiosi di un periodo importante della storia della cultura europea’.

Battistero degli Ortodossi, la cupola e la vasca ottagonale

Il Battistero Neoniano o degli Ortodossi  ha una forma ottagonale con decorazioni al suo interno che si dividono in tre parti: nella parte inferiore ci sono i marmi, nell’area mediana ci sono gli stucchi, mentre in quella superiore ci sono gli immancabili e splendidi mosaici tipici dell’arte ravennate. Al centro della cupola del Battistero Neoniano Ravenna è presente la scena del battesimo di Cristo che, su mosaico, rappresenta la più antica testimonianza giunta ai giorni nostri. Inoltre, attorno al medaglione, nella prima fascia, sono presenti i dodici apostoli con a capo San Pietro e San Paolo, mentre nella seconda fascia sono presenti troni ed altari che si alternano tra loro e che suggeriscono da un lato quello che è il concetto di città celeste, e dall’altro quello della dottrina cristiana. All’interno del Battistero degli Ortodossi, al centro dell’edificio, c’è invece una vasca ottagonale che è stata rifatta nel 1500 ma che ancora conserva qualche frammento originario risalente al V secolo.

Battistero Neoniano, orari e info biglietti

Gli orari di apertura del Battistero Neoniano a Ravenna sono gli stessi del Museo Arcivescovile e del Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, e sono i seguenti: dalle ore 10 alle ore 17 nel periodo dall’1 novembre al 28 febbraio; dalle 9 alle 17,30 dall’1 al 25 marzo, mentre dal 26 marzo al 30 settembre l’orario di apertura è alle ore 9 e quello di chiusura alle ore 19; nel mese di ottobre, dall’1 al 31, apertura alle 9,30 e chiusura alle ore 17,30.

Chiuso ogni anno per Natale e Capodanno, ovverosia il 25 dicembre e l’1 gennaio, al Battistero Neoniano è possibile accedere fino a 15 minuti prima dell’orario di chiusura esibendo il biglietto di ingresso che ha una validità di sette giorni, e che include pure la visita agli altri siti ravennati Unesco. Il Battistero è accessibile anche alle persone con disabilità motorie per le quali l’ingresso è gratuito insieme al loro accompagnatore. Per le scuole, a livello didattico, visitare Ravenna per gli studenti significa approfondire tre secoli di storia, quelli successivi alla caduta dell’Impero Romano, attraverso un percorso che non è solo artistico, ma anche religioso e letterario.

Accoglienza e custodia siti Unesco Ravenna

A gestire i servizi di accoglienza dei turisti, e la custodia dei monumenti Unesco che sono di proprietà dell’Arcidiocesi di Ravenna-Cervia, è l’Opera di Religione della Diocesi di Ravenna che, munita di personalità giuridica dal 1952, è un Ente Ecclesiastico canonicamente eretto con Decreto Arcivescovile. Inoltre, l’Opera di Religione della Diocesi di Ravenna si occupa pure della promozione e della diffusione della fede attraverso i mezzi di comunicazione di massa ed anche attraverso quattro book shop dove è presente un vasto assortimento di libri, di mosaici e di souvenir. In particolare, è possibile acquistare le pubblicazioni presso la Libreria San Paolo, che si trova al numero 9 di via Canneti in Ravenna, presso il book shop San Vitale al numero 22 di Via Argentario, ed all’intero dei due book shop che sono presenti nel Museo Arcivescovile e nella Basilica di Sant’Apollinare Nuovo.

Hotel e alberghi vicino al Battistero Neoniano Ravenna

A poche centinaia di metri i turisti che vogliono rimanere a Ravenna per qualche giorno, al fine di visitare con calma gli splendidi monumenti che la città offre, possono accedere ad un’ampia offerta ricettiva tra residence, alberghi, hotel e B&B. in questo modo, giorno dopo giorno, tutta la parte storica di Ravenna sarà sempre a portata di mano potendo peraltro soggiornare in strutture dove in genere si può pernottare con un ottimo rapporto qualità/prezzo ed in zone che sono molto tranquille e silenziose.