canal-grande-venezia

Il Canal Grande Venezia è il principale canale della città della laguna, ed è chiamato dai residenti anche ‘Canalazzo’. Con le acque che presentano una profondità media che è pari a 5 metri, il Canal Grande presenta una lunghezza variabile da un minimo di 30 metri di un massimo di 70 metri, e presenta la caratteristica di tagliare in due il centro storico di Venezia. Il Grand Canal ha una conformazione tale da disegnare una ‘S’ rovesciata che parte dal Ponte della Libertà ed arriva fino al Bacino di San Marco che è lo spazio acqueo della laguna veneta antistante proprio la omonima piazza più importante della città.

il Canal Grande è attraversato da quattro ponti il ponte di Rialto, insieme al ponte dell’Accademia, al ponte degli Scalzi e al ponte della Costituzion. Dei quattro, il ponte di Rialto è il più antico e sicuramente il più famoso.

Nel percorrere il Canale Grande, per tutta la sua lunghezza è possibile ammirare tanti splendidi edifici, realizzati in prevalenza tra il XII ed il XVIII secolo, che dal punto di vista storico individuano l’apice dell’arte e del benessere nel periodo della Repubblica di Venezia. Nel percorrere il Canal Grande, infatti, è un alternarsi di edifici pubblici a servizio del commercio, le cosiddette case-fondaco, e di palazzi e chiese in stile veneto-bizantino, gotico veneziano, stile rinascimentale, barocco veneziano ed architettura neoclassica.

Inoltre, ai giorni nostri quelle che sono le tradizioni secolari della Repubblica di Venezia, indicata spesso con il semplice appellativo di Serenissima, ogni anno vengono rivissute con appuntamenti come la Regata Storica che ha luogo proprio lungo il Venezia Canal Grande la prima domenica di settembre. Le gare relative alla Regata, inoltre, sono precedute dal Corteo Storico, un appuntamento con il quale viene rievocato l’ingresso nella città della regina di Cipro Caterina Cornaro a seguito dell’abdicazione che è datata 1489.

Canal Grande trasporti

Per i trasporti nel centro storico di Venezia, il Canal Grande è e rimane ad oggi l’asse principale con la conseguenza che il traffico risulta essere regolamentato non solo in base alle fasce orarie, ma anche per tipologia andando a distinguere tra il servizio gondole per i turisti, il servizio di trasporto vero e proprio ed il trasporto pubblico su taxi acqueo.

Nel Canal Grande, inoltre, il traffico da diporto è in ogni caso proibito a fronte di una regolamentazione oraria e per tipologia di servizio che dipende anche dal fatto che il moto ondoso generato dal passaggio delle imbarcazioni rappresenta un problema per le fondazioni di tutti gli edifici che si affacciano sul canale.

Quello che offre il Canal Grande per i turisti è infatti un ambiente incantato che fanno di Venezia una delle città più belle e più amate al mondo. Questo perché le abitazioni che emergono direttamente dal canale sono prive di marciapiedi e si susseguono senza interruzioni per uno spettacolo suggestivo rappresentato dal fatto che i palazzi vengono illuminati dai riflessi dell’acqua.

Come andare sul Canal Grande 

Per andare sul Canal Grande basta prendere i vaporetti della Actv che a Venezia è la compagnia pubblica di navigazione. In particolare, per ammirare il Canal Grande in tutta calma, per un viaggio che dura all’incirca 40 minuti, si può prendere la linea 1 del vaporetto mentre il viaggio sulla linea 2 della Actv dura 30 minuti circa in quanto non fa tutte le fermate.

Nel dettaglio, e nell’ordine, le fermate della linea 1 del vaporetto della Actv sul Canal Grande sono le seguenti: Piazzale Roma, Ferrovia, Riva de Biasio, San Marcuola, San Stae, Ca’ d’Oro, Rialto Mercato, Rialto, San Silvestro, Sant’Angelo, San Tomà/Frari, Ca’ Rezzonico, San Samuele/Palazzo Grassi, Accademia, Santa Maria del Giglio, Salute, San Marco-Vallaresso. Se invece si ha più tempo a disposizione il mezzo più indicato è chiaramente la gondola, oppure in alternativa ci sono i motoscafi che effettuano il servizio taxi acqueo.

CONDIVIDI
Articolo precedentePonte di Rialto