Le Catacombe dei Cappuccini si trovano a Palermo, e precisamente nei sotterranei del convento dei Cappuccini che, nel quartiere Cuba del capoluogo siciliano, risulta essere annesso alla chiesa di Santa Maria della Pace.

Le Catacombe di Palermo, cenni storici

La chiesa ed il Convento dei Cappuccini con i suoi sotterranei sono stati costruiti su strutture precedenti attorno al XVI secolo, ma in realtà quelle che oggi vengono definite catacombe, e che vengono visitate dai turisti, individuano un vasto cimitero, ovverosia un luogo di culto e di riunione paleocristiana per un totale di circa ottomila salme. L’esposizione degli innumerevoli cadaveri imbalsamati, infatti, al tempo rappresentavano non solo uno spettacolo macabro, ma anche uno spunto di riflessione sulla caducità della vita, sulle vanità terrene ed anche sull’inutile attaccamento degli esseri umani alle loro fattezze esteriori.

Le Catacombe Cappuccini Palermo al tempo erano uno dei luoghi da visitare nell’ambito del cosiddetto Grand Tour, un itinerario turistico nell’Europa continentale che facevano i giovani ed i ricchi aristocratici, e che poteva durare pure anni con tappa finale proprio l’Italia. L’obiettivo del Grand Tour, in particolare, era quello di conoscere non solo l’arte, la politica e la cultura, ma anche le antichità dei Paesi del Vecchio Continente. Non a caso sono stati tanti gli intellettuali, i poeti e gli scrittori che sono rimasti a dir poco affascinati da un sito unico nel suo genere come quello che si trova a Palermo, da Alexandre Dumas a Carlo Levi e passando per Mario Praz, Fanny Lewald e Guy de Maupassant. Nel 1777, inoltre, pure il poeta e letterato italiano Ippolito Pindemonte visitò le Catacombe dei Cappuccini a Palermo per poi ricordarle nei versi dei suoi ‘Sepolcri’.

Palermo catacombe, ampio cimitero di forma rettangolare

La costruzione delle gallerie che formano le Catacombe dei Cappuccini Palermo, come sopra accennato, avvenne alla fine del ‘500 per quello che è un ampio cimitero di forma rettangolare con le salme  che in prevalenza riguardano borghesi, commercianti, giovani donne vergini, ma anche corpi di ufficiali dell’esercito in uniforme e degli stessi frati dell’ordine dei Cappuccini. Il cimitero ospita infatti, in prevalenza, le mummie di persone appartenenti ai ceti alti in quanto al tempo il processo di imbalsamazione era molto costoso.

Mummia Rosalia

La prima salma sulla sinistra, dopo l’ingresso alle Catacombe Palermo, è quella di frate Silvestro da Gubbio che fu inumato all’interno del cimitero il 16 ottobre del 1599, ma una delle salme delle Palermo Catacombe dei Cappuccini che è particolarmente nota è quella di Rosalia Lombardo. Trattasi di una bambina che, nata il 13 dicembre del 1918 a Palermo, morì di polmonite il 6 dicembre del 1920. Fu il professor Alfredo Salafia, per volere del padre affranto per la perdita della piccola, a realizzare l’imbalsamazione della salma che fu tra le ultime ad essere accolte all’interno del grande cimitero rettangolare, e che si trova nella Cappella di Santa Rosalia, in fondo al primo corridoio sulla sinistra.

Il volto della Rosalia Lombardo Mummia, definita come la bella addormentata di Palermo, appare intatto ma il processo di mummificazione non ha evitato la formazione di piccoli stati di decomposizione del corpo della bambina che, di conseguenza, dalla sua storica bara è stata collocata in una teca di acciaio e vetro che è ermetica e che impedisce così la crescita dei microrganismi anche attraverso il mantenimento al suo interno di temperature e livelli di umidità che sono costanti.

Come arrivare alla Chiesa Cappuccini Palermo ed alle Catacombe

Per arrivare al Convento dei Cappuccini ed alle Catacombe dalla stazione centrale di Palermo, basta prendere, con fermata Piazza Indipendenza, l’autobus numero 109 oppure il numero 318. Scesi alla fermata di Piazza Indipendenza si può decidere di arrivare a piedi alle Catacombe Palermo in circa 15 minuti, oppure proseguire sempre con l’autobus prendendo la linea numero 327.

Sempre dalla stazione centrale di Palermo, inoltre, si può arrivare alle Catacombe pure prendendo la metropolitana con fermata Palazzo Reale-Orleans per poi proseguire a piedi. Per chi invece arriva in macchina, dall’autostrada l’uscita è quella di Corso Catalafimi con destinazione Piazza Cappuccini dove c’è un ampio parcheggio per lasciare l’auto e per visitare le Catacombe.

Catacombe Palermo orari e biglietti

Le Catacombe dei Cappuccini a Palermo sono aperte tutti i giorni, compresi i festivi, nei seguenti orari: la mattina dalle ore 9 alle ore 13, e nel pomeriggio dalle ore 15 e fino alle ore 18 fermo restando che le Catacombe di Palermo, da fine ottobre alla fine del mese di marzo di ogni anno, rimangono chiuse la domenica pomeriggio.

Il prezzo del biglietto per l’ingresso alle Catacombs Palermo è di 3 euro con ogni visitatore che è obbligato a tenere un adeguato comportamento evitando in particolare l’uso dei cellulari, ed evitando di lasciare rifiuti e di tenere un tono di voce elevato. Inoltre, è fatto divieto, per chi entra nelle Palermo Catacombs, non solo di toccare i reperti, ma anche di scattare foto e di effettuare riprese.

SHARE