Se dovessimo dirti qual è il più importante luogo di culto di Perugia, sicuramente la risposta sarebbe la Cattedrale di San Lorenzo.

La Cattedrale di San Lorenzo è, per la città, davvero molto importante. È, infatti, la chiesa dedicata al santo patrono di Perugia.

Un luogo, questo, che sta davvero molto a cuore ai cittadini e che merita quindi un maggiore approfondimento sulla sua costruzione e sulla sua storia.

Noi di Viaggiatoriatipici abbiamo deciso di accompagnarti durante la tua scoperta virtuale del Duomo di Perugia.

Cattedrale di San Lorenzo: un po’ di storia

La Cattedrale di San Lorenzo ha una storia un po’ bizzarra alle sue spalle.

Devi infatti sapere che, per quanto i lavori di costruzioni siano stati cominciati e terminati più volte, la chiesa non è ancora tutt’oggi completa.

La prima costruzione vede come datazione il 1345. Non fu però completata portando così ad un nuovo inizio di lavori e restauri nel 1437.

Quelli però non furono ancora gli ultimi lavori in quanto, una volta arrivati nel 1490, ecco che i perugini decisero di ricominciare a costruire per finire finalmente la cattedrale. Intento però mai raggiunto in quanto ancora adesso presenta una fiancata ed una facciata non ancora terminata.

Una cattedrale quindi molto caratteristica e che viene molto visitata ed amata anche proprio per questa sua incompletezza.

Incompleta, ma ugualmente bellissima, che nel 1569 fu consacrata diventando così luogo di culto religioso con riferimento a San Lorenzo.

Nel corso della sua storia, fortunatamente, non ha molte vicende negative e danni causati da fenomeni naturali o guerre. Una cattedrale che ha visto sempre vivere al massimo il suo splendore ed il suo grande valore.

 

Cattedrale di San Lorenzo: la sua struttura

Passiamo ora a scoprire insieme la struttura di questo magnifico edificio perugino.

Come avrai già capito è una struttura incompleta, ma solo dal punto di vista decorativo perché per quanto riguarda gli altri aspetto non ha nulla di meno rispetto ad altri edifici.

La Cattedrale di San Lorenzo ha davvero moltissimi tratti artistici di grandi rilievo ed ora andremo a raccontarveli.

 

Cattedrale di San Lorenzo: il suo esterno

Per prima cosa ci teniamo a farti notare una cosa del tutto strana.

Infatti, solitamente, una chiesa ha la facciata rivolta verso la piazza principale in cui si trova. Questa cattedrale invece ha una fiancata laterale che si rivolge verso la piazza IV Novembre, mentre la facciata è rivolta verso la piazza Danti, che è di molto minore sia per importanza che grandezza rispetto alla precedente.

Bisogna però dire che, vista l’incompletezza della facciata, la fiancata laterale ha decisamente una bellezza artistica maggiore.

La fiancata laterale è composta da finestre dal gusto gotico e da un grande portico con gusto invece rinascimentale.

La decorazione esterna è comunque in marmo rosa e bianco con rombi geometrici che si alternano. È presente però solo nella parte inferiore. La parte superiore invece è appunto la parte incompleta di cui abbiamo parlato in precedenza.

Per quanto riguarda invece la facciata ecco che il muro è a vista e presenta alcuni elementi che fanno presuppore che si volesse ricoprirla con del marmo.

Vi è poi anche un campanile con quattro campane al suo interno.

 

Cattedrale di San Lorenzo: il suo interno

Ora invece andiamo a scoprire la parte più interessante ed importante, ovvero l’interno.

La struttura di base è a forma di croce latina divisa, grazie a dei pilastri, in tre navate.

Ogni navata presenta poi delle volte affrescate così che alzando lo sguardo tu possa ammirare della vera arte del periodo del 700.

Parliamo per un attimo delle cappelle presenti alla fine delle navate laterali:

  • Cappella dell’Anello. Si trova alla fine della navata sinistra e contiene la reliquia dell’anello nuziale della Vergine Maria.
  • Cappella del Sacramento. Si trova alla fine della navata destra e ha un grande valore artistico grazie alla presenza della Pala raffigurante la Pentecoste di Cesare Nebbia. Inoltre presenta anche il monumento funebre di Papa Martino IV e le reliquie di Innocenzo III e Urbano IV.

Il presbiterio poi merita sicuramente una citazione propria grazie al coro ligneo intarsiato da Giuliano da Maiano e Domenico del Tasso.

Interessante poi anche la presenza di un organo a canne, arrivato solo nel 1967.

 

Cattedrale di San Lorenzo: come visitarla

La Cattedrale di San Lorenzo è aperta al pubblico e quindi potrai tranquillamente visitarla rispettando gli orari che potrai trovare sul sito ufficiale. 

Interessante anche visitare il Museo Archeologico adiacente alla cattedrale, sia la parte del museo vero e proprio che la parte archeologica.

Insomma la Cattedrale di San Lorenzo è un perfetto esempio di come si possa essere interessanti e meravigliosi anche senza essere perfetti e completi.

Una visita che vale davvero molto.