La Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore è un vero capolavoro artistico del Nord Italia.

Definita da tutti come la Cappella Sistina del Nord, la sua bellezza non necessita di prove, basta un solo sguardo per innamorarsene.

Questa chiesa rappresenta un vero vanto per il popolo milanese e richiama davvero moltissimi visitatori.

Insomma vale davvero la pena di conoscerla un po’ meglio e noi di Viaggiatoriatipici abbiamo pensato di fare questo viaggio virtuale insieme a te.

Scopriamo insieme questa magnifica chiesa caratterizzata di certo dalla sua bellezza, ma anche dalla sua storia.

 

Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore: un po’ di storia

La storia di questa chiesa comincia nel lontano 1503, quando si decise di creare un edificio più grande rispetto al già presente Convento delle Monache Benedettine.

Devi sapere che a quel tempo a Milano vi era il più vasto cenobio femminile d’Italia.

Le monache di clausura non potevano assolutamente avere contatti con il pubblico e da qui ne deriva quindi la singolare costruzione della Chiesa di San Maurizio che è praticamente divisa in due parti: una per le monache ed una per i fedeli.

I lavori di costruzione durarono solo pochi anni ed al suo interno vi lavorarono artisti di altissimo spessore che contribuirono a rendere questo luogo tutt’ora una vera opera d’arte.

Nel 1798 il Monastero delle Benedettine fu soppresso ed il luogo fu così adibito a diversi scopi come ad esempio ospedale militare, scuola femminile e luogo di raccolta culturale. La parte della chiesa invece non cambiò mai la sua funzione.

Fortunatamente la Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore non ha mai subito enormi danni, nemmeno durante le grandi guerre mondiali. Ovvio però che nel corso dei secoli le sue opere interne hanno subito un invecchiamento inevitabile.

Proprio per questo motivo la chiesa ha avuto alcuni restauri di alto rilievo con una durata temporale anche abbastanza importante.

I restauri maggiori sono avvenuti nel 1985, grazie ad un finanziamento privato, e nel 1997 grazie al famoso sponsor Banca Popolare di Milano.

Come avrai intuito Milano è davvero molto legata a questa magnifica chiesa, ed il fatto che la Banca Popolare di Milano si sia impegnata nella cura e salvaguardia del luogo ti può far capire la grandezza di questo amore tra la Chiesa di San Maurizio e la città.

 

Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore: la sua struttura

Ora possiamo parlare invece della struttura vera e propria della chiesa.

Esternamente potrai subito renderti conto di come non vi siano dei particolari estremamente importanti ma al suo interno invece la bellezza sale ad un livello altissimo.

Esaminiamo insieme la Chiesa di San Maurizio.

 

Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore: la sua facciata

Ti abbiamo già accennato del fatto che la parte esterna della chiesa non è così degna di grande nota.

Infatti a colpo d’occhio potrebbe anche passare inosservata, se non fosse ovviamente per le sue dimensioni.

Una facciata del tutto anonima rivestita di pietra grigia. Quindi anche a livello di colori e sfumature non c’è molto da dire.

L’esterno quindi è un perfetto contrasto tra semplicità e nudità della facciata ed invece la ricchezza e bellezza dell’interno.

 

Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore: il suo interno

L’interno è davvero caratteristico.

Pensa che è composta da ben 4 mila metri quadrati di affreschi. Insomma come poter resistere al desiderio di scoprirla e vederla da vicino?

In precedenza ti abbiamo già fatto presente che la chiesa presenta una divisione netta:

  • chiesa pubblica
  • parte destinata alla monache del tempo, chiamato anche con il termine Core delle Monache

La pianta è composta da una singola navata, la quale presenta ai suoi lati numerose cappelle.

Tutte le sue pareti presenti sono completamente coperte da affreschi meravigliosi. E questa è la sua grande particolarità.

Potrai ammirare opere d’arte create da artisti come Bernardo Luini, Antonio Campi, Simone Peterzano, Boltraffio e molti altri ancora.

Esempi lampanti del periodo rinascimentale e con un’influenza davvero netta data da grandi maestri come Raffaelo e Leonardo.

 

Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore: come visitarla

Ora che hai conosciuto maggiormente la Cappella Sistina del Nord Italia siamo sicuri che ti sei convinto di inserirla nella tua visita a Milano.

Ti starai quindi chiedendo come è possibile visitarla.

Sarai felice nel sapere che l’ingresso è totalmente gratuito ed è necessaria la prenotazione solamente nel caso di gruppi numerosi o scolaresche.

Le visite possono essere fatte dal martedì alla domenica dalle 9 del mattino alle 19:30 della sera. Nel periodo invernale invece l’orario di chiusura è alle 17:30.

Ti consigliamo inoltre di prenderti del tempo per visitarla con calma e senza fretta perché merita di essere ammirata in ogni suo angolo.

Potrai ben capire che 4 mila metri quadrati di affreschi necessitano del tempo adeguato per essere assaporati al cento per cento.