Ogni regione italiana ha le sue particolarità e caratteristiche e la Sicilia è sicuramente tra quelle più ricche da questo punto di vista.

Conosciuta in tutto il mondo per la sua bellezza e la sua storia ci vogliamo però soffermare su Palermo, il suo capoluogo.

Palermo vanta il centro storico più grande d’Europa e già questo dato ti può far capire di quanta storia, cultura ed arte racchiuda in sé questa città.

Riuscire a scegliere quali siano le cose da vedere a Palermo più significative non è così facile perché ogni via, ogni edificio e ogni monumento in sé racchiude molte sfaccettature che meritano di essere conosciute e scoperte, ma la nostra missione è proprio quella di indicarti i punti d’interesse che in maniera assoluta non puoi saltare quando visiti Palermo.

Cominciano quindi il nostro viaggio virtuale nella città siciliana.

 

Cosa vedere a Palermo: i luoghi d’interesse più importanti

Abbiamo già accennato di come Palermo sia una città ricca di storia e cultura. Devi sapere infatti che la Sicilia è stata protagonista di tantissime vicende storiche e Palermo ne è la testimonianza.

Palermo infatti ha alle spalle la conquista da parte dei Normanni, l’invasione dei greci, dei fenici, dei francesi e perfino del popolo spagnolo. Capitale antica anche del popolo arabo Palermo mostra in tutti i suoi angoli questa grande mescolanza di culture diverse che hanno vissuto o lottato sul suo suolo.

Ecco quindi che passando da una via all’altra potrai vedere cupole arabe, edifici neoclassici, giardini in stile romano, chiese dallo stile barocco e monumenti dal gusto latino.

Se poi si aggiunge anche il clima caldo e l’ospitalità che caratterizza i popoli del sud ecco che la cornice diventa davvero perfetta.

Passiamo ora nel vivo della questione cominciando a scoprire una per una le cose da vedere a Palermo.

 

Cosa vedere a Palermo: la Cattedrale

Ogni grande città che si rispetti ha sempre al suo centro una cattedrale e Palermo anche in questo fattore non si smentisce. Ecco che la Cattedrale di Palermo dedicata a Maria Vergine Assunta diventa una tappa importantissima della città.

Nel corso della sua storia questa cattedrale ha vissuto notevoli cambiamenti a causa delle varie invasione dei vari popoli esteri.

Creata nel secolo 600 per mano dei cristiani nel secolo 800 per mano dei saraceni è stata poi modificata per divenire così la moschea del tempo.

Ma le sue modifiche non sono finite qui. Infatti nel 1100 ecco che grazie ai Normanni la cattedrale ritorna ad essere una chiesa cristiana.

Queste varie modifiche subite nel corso dei secoli la rendono una cattedrale del tutto unica, con un mescolamento di stili differenti che le danno quel tocco in più rispetto a molte altre.

Per farti comprendere un po’ meglio la sua mescolanza di stile diversi ti possiamo dire ad esempio che la sua cupola è in stile barocco, il suo portico in stile gotico catalano ed l’interno in stile neoclassico.

Al suo interno potrai poi trovare opere di grande valore che portano la firma di artisti di rilievo come Gagini, Velasquez e Villareille.

Non solo ma potrai trovare anche tesori storici davvero famosi ed importanti come la corona dell’Imperatrice Costanza D’Aragona e molto altro ancora.

 

Cosa vedere a Palermo: Chiesa Santa Maria dell’Ammiraglio

A Palermo è conosciuta anche con il termine Martorana per il fatto che nel 1433 il re dell’epoca, ovvero Alfonso d’Aragona, cedette questa chiesa alle monache benedettine che avevano come “capo” Eloisa Martorana.

Questa chiesa ha uno stile prettamente arabo con qualche influenza normanna. La sua cupola poi è di una bellezza da lasciare senza fiato grazie ai mosaici bizantini che sono tra l’altro i più storici ed antichi di tutta la regione Sicilia.

I mosaici rappresentano i momenti più importanti della vita di Gesù, ma non solo in quanto vengono raffigurati anche i profeti, gli arcangeli ed i più importanti santi.

Dal punto di vista dell’arte bizantina potremo definire questa chiesa la testimonianza più importante e soprattutto più meravigliosa di tutto lo stivale italiano.

 

Cosa vedere a Palermo: la Fontana Pretoria

Una fontana considerata tra le più belle d’Italia, se non nel mondo. Devi sapere che il celebre Giorgio Vasari se ne innamorò al primo sguardo e la chiamò “la fonte stupendissima”.

Questa fontana ha alle spalle una storia un po’ diversa rispetto le altre fonti del mondo, infatti è stata costruita inizialmente a Firenze e poi spostata appunto a Palermo per volere del senato cittadino.

La sua composizione è davvero magnifica: tre vasche concentriche più altre di dimensioni più piccole. Il tutto è circondato da quattro scalinate e da una balaustra.

Ma non solo l’acqua arricchisce questa fontana, infatti vi sono molte statue tra cui quelle allegoriche che raffigurano i quattro fiumi della città di Palermo: Oreto, Kemonia, Papireto, Maredolce e diverse divinità.

 

Cosa vedere a Palermo: il Teatro Massimo

Lo sai qual è il teatro più grande dell’Italia? Il Teatro Massimo che ha sede proprio a Palermo. Non solo ma questo teatro di piazza nel podio anche nella classifica dei teatri lirici più grandi d’Europa superato solo dall’Opera di Parigi e dal Staatsoper di Vienna.

Un teatro in cui l’arte regna davvero sovrana e lo si capisce già dal suo ingresso in cui potrai ammirare la frase incisa: “L’arte rinnova i popoli e ne rivela la vita. Vano delle scene il diletto ove non miri a preparar l’avvenire“.

Sia che l’arte del teatro sia tra le tue passioni o no è davvero inevitabile una visita a questo luogo per capirne la sua magia e la sua bellezza.

 

Cosa vedere a Palermo: il Palazzo dei Normanni e la sua Cappella Palatina

Se dobbiamo parlare di monumenti siciliani importanti allora non possiamo non aggiungere il Palazzo dei Normanni chiamato più comunemente anche Palazzo Reale.

Questo palazzo ha avuto una grande importanza nella storia passata della Sicilia in quanto fu la dimora dei re e sede del potere dei Normanni durante il loro regno.

Un palazzo che tutt’ora ha una grande valenza politica in quanto è sede dell’Assemblea Regionale Siciliana.

Ma ora passiamo a scoprirla in maniera un po’ più dettagliata.

Dal punto di vista artistico ha davvero una bellezza grandiosa. Al suo interno presenta moltissime stanze tra cui la più famosa è la Cappella Palatina con i suoi mosaici bizantini che lasciano letteralmente a bocca aperta.

Anche le altre stanze però non sono da meno, tutte meritano una visita accurata.

 

Cosa vedere a Palermo: Casa Museo Stanze al Genio

Un museo del tutto particolare che si trova all’interno di una casa nobile privata.

Ti starai chiedendo cosa possa avere al suo interno un museo che ha come nome Stanze al Genio. Qui potrai trovare una delle collezioni più grandi d’Europa di maioliche antiche di Napoli e Sicilia.

Un pezzo storico quindi dei popoli del sud e soprattutto di questa regione. Una tradizione di cui vanno molto fieri ed orgogliosi.

Qui potrete trovare ben più di 2300 tipi di maioliche e potrete così scoprire questo settore che ha radici profonde nel sud Italia.

Le stanze da visitare sono ben 4 e le maioliche sono disposte in maniera molto organizzata, con una divisione ben precisa ed in ordine cronologico così da fare una sorta di viaggio nel tempo ammirandole una ad una.

Insomma una tappa obbligatoria nel tuo tour a Palermo se vuoi respirare un po’ di tradizione e cultura della città.

 

Cosa vedere a Palermo: la Palazzina Cinese

Avevamo già detto di come Palermo racchiudi in sé moltissimi stili diversi. Ecco un’altra prova tangibile: la Palazzina Cinese.

Progettata e costruita con un evidente gusto d’oriente che la rendono così molto particolare e anche molto bella da visitare.

Merita sia internamente che esternamente. All’esterno ad esempio potrai trovare un ampio giardino diviso in più sessioni e in cui vi sono anche dei semplici labirinti di siepi. I giardini presentano una cura ed una pulizia davvero uniche.

Passiamo ora all’interno in cui potrete ammirare stanze una più bella e curata dell’altra. Devi sapere infatti che questa Palazzina Cinese era la dimora di re Ferdinando IV Di Borbone e della moglie Maria Carolina.

 

Cosa vedere a Palermo: Catacomba dei Cappuccini

Un posto del tutto insolito e per cui arrivano turisti da tutto il mondo.

Una catacomba costruita nel 1599 e che contiene più di 8.000 salme mummificate.

Si hai proprio capito bene, è praticamente una raccolta di mummie che per la maggior parte sono esposte e perfettamente conservate nella loro interezza.

Un esempio che possiamo farti è quello della salma di Rosaria Lombardo, una bambini di 2 anni nel 1920 a causa di una brutta polmonite e che è nota in tutto il mondo per essere una delle migliori rappresentazioni di mummificazioni in tutto il pianeta.

Si trova nei sotterai della Chiesa di Santa Maria della Pace e ti possiamo dire che è un luogo assolutamente da visitare ma che lascia una sensazione strana una volta usciti e quindi se sei facilmente suggestionabile preparati al meglio.

 

Cosa vedere a Palermo: Monte Pellegrino e Grotte dell’Addaura

Palermo, ed in generale tutta la Sicilia, è ricco di luoghi e panorami dal valore naturalistico davvero meraviglioso.

Il Monte Pellegrino è sicuramente un esempio di questa bellezza e lo puoi vedere alla fine del Golfo di Palermo.

Il Monte Pellegrino poi è proclamato riserva naturale italiana ed è ricco non solo di panorami mozzafiato ma anche di monumenti e torri che fanno da arricchimento al contesto ambientale. Tra questi andremo poi a scoprire meglio il Santuario di Santa Rosalia.

Una delle risorse più belle del Monte Pellegrino è racchiusa nelle Grotte dell’Addaura in cui vi sono all’interno dei graffiti e dei disegni sulle pareti che risalgono dal Paleolitico.

Ecco quindi che questo luogo ha un grande valore storico per Palermo in quanto vi sono al suo interno le testimonianze dei primi abitanti della città.

 

Cosa vedere a Palermo: il Santuario di Santa Rosalia

Come promesso nel punto precedente eccoci a scoprire il Santuario di Santa Rosalia che si trova per l’appunto sul Monte Pellegrino.

Santa Rosalia è davvero molto importante per i palermitani in quanto è la protettrice della città di Palermo. Ecco quindi che gli abitanti del luogo sono molto affezionati a questo santuario.

Ti starai chiedendo perché proprio Rosalia è la protettrice di Palermo. Dietro c’è una storia molto importante.

Santa Rosali morì in una grotta dove ora risiede il suo santuario. Quando vennero trovate le sue ossa, nel 1624, finì una bruttissima pestilenza che stava distruggendo la città sia dal punto di vista morale che mentale. Da quel momento Santa Rosalia è per i palermitani la santa più importante in assoluto.

Bisogna anche dire però che il santuario è davvero bellissimo con la sua facciata in stile barocco e il panorama meraviglioso e proprio per questo merita davvero di essere visto almeno una volta.

 

Cosa vedere a Palermo: spiaggia di Mondello

Finiamo il nostro tour virtuale con Mondello, la spiaggia che tutti ci invidiano nel mondo.

La Sicilia è sicuramente una delle mete più ambite per il turismo balneare e questa spiaggia ne spiega tutte le motivazioni.

Il mare è cristallino, pulito e praticamente trasparente. La sabbia poi sembra proprio quella che si trova nei paesi caraibici e che si vede nelle cartoline. Insomma una spiaggia davvero meravigliosa in cui rilassarsi e godersi la bellezza del paesaggio marino.

Bellissimo e super visitato d’estate, ma perfetto anche nelle altre stagioni perché come citava una famosa canzone il mare è bello anche in inverno.

 

Opinioni sulla città di Palermo

Palermo è una città italiana che davvero merita di essere scoperta e vissuta.

Una città in cui regna una storia unica con testimonianze sparse ovunque e con l’arte che va a pari passo con lei.

Una città in cui regnano anche dei mercati popolari in cui potrai davvero respirare la cultura e la tradizione del luogo. Tra tutti ti consigliamo i mercati di Ballarò, del Capo dietro il Teatro Massimo ed infine il mercato Borgo Vecchio vicino al porto di Palermo.

Poi non ti possiamo lasciare senza non suggerirti prima di provare anche la cucina palermitana con i suoi cannoli, la sua cassata e i famosissimi arancini.