Uno dei migliori musei d’arte in Europa è la Galleria dell’Accademia di Venezia che presenta alcune delle più belle opere di pittura pre-ottocentesca di artisti veneziani, fiorentini, romani e di altri artisti europei. Occupa la Scuola Grande di Santa Maria della Carità – che comprende l’ex complesso monastico Canonici Lateranensi (progettato inizialmente dal grande architetto veneziano Andrea Palladio ) – si trova sulla riva sud del Canal Grande e dà il nome a uno dei tre ponti sul corso d’acqua, il Ponte dell’Accademia .

La storia della galleria

Giambattista Piazzetta è stato nominato primo presidente dell’Accademia, assistito da funzionari che hanno incluso Giambattista Pittoni e Gianmaria Morlaiter. Trentasei artisti furono eletti come membri fondatori dell’Accademia. Pittori inclusi: Giuseppe Angeli, Tomasso Bugoni, Francesco Ceppella, Domenico Fontebasso, Pietro Gradizi, Jacopo Guarana, Antonio Joli, Alessandro Longhi, Pietro Longhi, Domenico Maggiotto, Jacopo Marieschi, Antonio Marinetti, Girolamo Colonna Mingozzi, Michelangelo Morlaiter, Pietro Antonio Novelli, Fortunato Pasquetti, Francesco Pavona, Antonio Visentini, Giandomenico Tiepolo, Francesco Zanchi, Gaetano Zompini, Francesco Zuccarelli, Antonio Zucchi, Francesco Zugno. Scultori fondatori inclusi: Giuseppe Bernardi, Francesco Bonassa,

Nel 1807, durante l’occupazione della città da parte dell’esercito di Napoleone, l’Accademia di Venezia fu ribattezzata Accademia Reale di Belle Arti e trasferita nella sua sede attuale, già sede del Convento dei Canonici Lateranensi, e della Scuola della Carità. Quest’ultima era la più antica delle sei Scuole Grande e risale al 1260 (la sua costruzione al 1343).

La Galleria dell’Accademia di Venezia

La Galleria dell’Accademia di Venezia fu istituita ufficialmente nel 1807 con un decreto napoleonico.

Ai fini occuparono gli edifici che formavano il complesso della Carità , sia la chiesa che la scuola, e il convento dei Canonici lateranensi.

Le prime opere appartenevano all’Accademia di Belle Arti originale , ed era una piccola collezione, ma poi furono recuperate opere che erano state confiscate tra il 1797 e il 1810 e trasferite a Parigi.

Attualmente la Galleria dell’Accademia di Venezia ospita la più importante collezione di arte veneziana fino al XVIII secolo . Sono esposti i lavori di Paolo Veronese, Giovanni Bellini, Pietro Longhi, Mantegna, Giorgione e altri.

La Collezione permanente

La collezione permanente della Galleria dell’Accademia di Venezia presenta un’impareggiabile assemblea di capolavori di pittori veneziani dal XIII al XVIII secolo. Il nucleo della collezione fu messo insieme alla fine del 1750. Le opere includono dipinti e tele religiose , un’ampia varietà di dipinti di figure – inclusi dipinti in miniatura – oltre a opere storiche, paesaggistiche e di genere. Artisti rappresentati includono membri del primo Rinascimento a Venezia come Gentile Bellini (1429-1507), Giovanni Bellini (1430-1516), Andrea Mantegna(1430-1506),Antonello da Messina (1430-79) e Carlo Crivelli (1430-93); Pittori dell’Alto Rinascimento come Leonardo da Vinci (1452-1519), Carpaccio (1465-1525 / 6), Giorgione (1477-1510) e Lorenzo Lotto (1480-1556); Maestri del tardo Rinascimento come Tiziano (c.1488-1576), Paris Bordone (1495-1570); Pittori manieristi come Giovanni Savoldo (1506-48), Jacopo Bassano (1515-1592) e Tintoretto (1518-94); artisti decorativi come Paolo Veronese (1528-1588) e Tiepolo (1696-1770); Pittori vedutistiveneziani come Canaletto (1697-1768), Bernardo Bellotto (1721-80) e Francesco Guardi (1712-93); così come la miniaturista Rosalba Carriera (1675-1757) e il pittore di genere Pietro Longhi (1701-85), per citarne solo alcuni.

Orari:

Dal martedì alla domenica, dalle 8:15 alle 19:30,
lunedì dalle 8:15 alle 14:00.

Prezzo:

€ 12

Indirizzo:

Campo della Carità, Dorsoduro 1050

Come arrivare:

Vaporetto linee 1 e 2, fermata Accademia