L’Orologio astronomico di Praga si trova nella capitale della Repubblica Ceca ed è una delle principali attrazioni turistiche trattandosi di un orologio astronomico medioevale. Detto in ceco Staroměstský Orloj, ovverosia Orologio della città vecchia, l’Orologio astronomico di Praga è situato nella Piazza della Città Vecchia ed è posizionato, precisamente, sul lato sud del municipio della Città Vecchia.

Orologio astronomico di Praga, gli elementi principali

Sono tre gli elementi principali di cui è composto l’Orologio astronomico di Praga: il quadrante astronomico, il cosiddetto ‘Corteo degli Apostoli’ ed il quadrante inferiore. Nel dettaglio, nel quadrante astronomico sono indicate tutta una serie di informazioni astronomiche tra cui l’ora e quelle che sono al trascorrere del tempo le posizioni in cielo del Sole e della Luna.

Per quel che riguarda invece il ‘Corteo degli Apostoli’, nell’Orologio astronomico di Praga questo non è altro che un meccanismo che mette in movimento, allo scoccare di ogni ora, le figure che rappresentano i dodici Apostoli. Il quadrante inferiore dell’Orologio astronomico di Praga, invece, si compone di dodici medaglioni che raffigurano quelli che sono i dodici mesi dell’anno.

Orologio astronomico Praga tra storia e leggenda

Dei tre elementi di cui si compone l’Orologio astronomico Praga, quello più antico è rappresentato dal quadrante astronomico ad opera di Mikuláš z Kadaň, noto maestro d’orologeria, e del professore di matematica ed astronomia Jan Šindel che insegnò all’Università Carlo IV di Praga. La costruzione dell’Orologio di Praga risale al periodo tra il XIV e il XV secolo e si ritiene che sia stato uno dei primi al mondo ad essere progettato e realizzato rispetto a quelli che poi, successivamente, vennero costruiti in tante altre città, da Strasburgo a Padova e passando per St Albans nel Regno Unito, Lund in Svezia, Wells e Norwich.

L’aggiunta del quadrante del calendario e delle sculture gotiche nell’Orologio astronomico di Praga risale invece intorno al 1490, mentre nel 1552 fu Jan Taborský a riparare il meccanismo citando in un rapporto Hanuš z Růže quale realizzazione dell’opera, ma in base agli studi seguenti emerse che l’attribuzione era falsa. Su Hanuš z Růže e sulla costruzione dell’Orologio esiste una leggenda secondo cui Hanuš z Růže, che lo avrebbe costruito avvalendosi della collaborazione dell’assistente Jakub Čech, sarebbe stato accecato per evitare poi che potesse costruire altri orologi astronomici dello stesso tipo. A questo punto Hanuš z Růže si vendicò fermando l’orologio e riattivando il meccanismo solo quando come ricompensa non gli fu permesso di continuare a svolgere il mestiere di orologiaio avvalendosi dell’aiuto dell’assistente Jakub Čech e del suo allievo, il mastro Mikulas.

Riparazioni Orologio di Praga

Nel tempo l’Orologio astronomico di Praga si è fermato più volte con la conseguenza che furono necessari numerosi interventi di riparazione fino poi al XVII secolo quando vennero aggiunte le statue mobili, mentre l’inserimento delle figure in legno degli Apostoli risale al periodo 1865-1866 quando venne effettuata un’ulteriore riparazione. Nel periodo della Seconda Guerra Mondiale l’Orologio di Praga si fermò di nuovo a causa dei danni causati dai tedeschi. Fu in particolare tra il 7 e l’8 maggio del 2015 che l’Orologio astronomico Orloj fu seriamente danneggiato insieme al municipio che prese fuoco a causa del lancio di bombe incendiarie da parte dei tedeschi. Solo nel 1948, e grazie agli sforzi della popolazione locale, l’Orologio tornò poi a funzionare.

Figure animate Orologio Praga

 Sono quattro le figure animate che  fiancheggiano l’Orologio astronomico di Praga. Queste infatti si animano allo scoccare di ogni ora nell’andare a rappresentare quelli che sono i vizi capitali. Nel dettaglio, c’è lo scheletro che simboleggia la morte, un personaggio con lo specchio che rappresenta la vanità, il turco che rappresenta la lussuria ed un viandante con la borsa ad impersonare l’avarizia. In origine, pur tuttavia, al posto del viandante con la borsa a rappresentare l’avarizia c’era un usuraio ebreo che però venne sostituito dopo la conclusione della Seconda Guerra Mondiale.

Funzionamento Orologio astronomico di Praga

Allo scoccare dell’ora la prima figura ad animarsi è quella dello scheletro che, nel suonare la campana, con la mano destra tira la fune e capovolge la clessidra mentre entrano in scena le altre tre figure animate, l’avaro, il turco ed il lussurioso che fanno no con la testa. E’ questo poi il momento in cui dalla finestra escono gli Apostoli con San Paolo per primo ed a coppie di due fino a quando non si arriva allo spettacolo del gallo che è quello che, sopra le finestre dell’orologio, è incaricato di cantare l’ora suonata.

Per quel che riguarda gli Apostoli, tutti presentano un segno distintivo a partire da San Paolo che ha in mano una spada ed un libro, Giuda che allo stesso modo porta un libro, Andrea e Filippo con una croce, Tommaso con una lancia, Bartolomeo con un libro, Giovanni con un serpente, Simone con una sega, Giacomo con una mazza, Matteo con un’ascia e Pietro con una chiave.

SHARE