La Piazza del Duomo, nel centro storico di Firenze , non è solo il centro religioso ma anche un’icona della città. Attorno ad esso sorgono tre dei principali monumenti di Firenze di Firenzeil Duomo di Santa Maria del Fiore , il Campanile di Giotto e il Battistero di San Giovanni , come pure numerosi palazzi e altri edifici storici.

Origine della Piazza del Duomo

Si trovava, in origine, fuori dalle prime mura romane, ed era all’interno della città quando fu costruita la seconda cerchia delle mura, intorno all’anno 400. Attraverso una delle sue porte vi era l’accesso a un vicolo su cui si scorgeva la facciata di Santa Reparata , la primitiva chiesa su cui fu costruito l’attuale Duomo.

La piccola piazza originale fu ingrandita quando diverse case furono demolite attorno ad essa per costruire la Cattedrale e il Campanile e liberare lo spazio attorno al Battistero.

L’area tra la Cattedrale e il Battistero fu ad un certo punto utilizzata come cimitero . Negli scavi effettuati tra il 1972 e il 1973 sono state trovate diverse tombe e resti di monumenti funerari.

Vicino alla Porta Nord del Battistero si trova la Colonna di San Zenobio di nuovo a vita ad un olmo secco: uno dei primi vescovi di Firenze, che ricorda del primo miracolo del santo.

Piazza del Duomo oggi

Dal 2009 la piazza è diventata pedonale , così come molte strade del centro storico.

In piazza si organizzano diverse attività, molte legate a feste religiose, come lo Scoppio del Carro, la domenica di Pasqua, che consiste nell’accendere i fuochi d’artificio caricati su un carro situata nella piazza, durante la celebrazione della messa. Questa celebrazione ha avuto la sua origine nel dodicesimo secolo.

Il 24 giugno, è celebrato San Giovanni. Quel giorno l’ ingresso al Campanile è gratuito. Tra le celebrazioni di quel giorno c’è il famoso ” Calcio” Storico fiorentino , che ricorda una partita del 1530.

Come arrivare:

Bus 6, 11, 14, 23, C1, C2.
Tram T1, fermata Alamanni.
Treno fermata Santa Maria Novella e poi a piedi.