Il Ponte Vecchio è il ponte più antico di Firenze (ce ne sono sei in totale). Se rimani nel centro storico , attraverserai sicuramente questo ponte per raggiungere il Giardino di Boboli .

Il ponte originale era di epoca romana, probabilmente del I secolo aC, ed è stato costruito in pietra e legno, nello stesso luogo in cui si trova l’attuale. Fino al 1218 era l’unico ponte che attraversava il fiume Arno.

Fu distrutto da un’inondazione nel 1117 e ricostruito nel 1170, in pietra, con 5 archi.

Questo ponte è stato distrutto anche da un’alluvione nel 1333. Il ponte fu ripristinato e completato nel 1345, con un design innovativo per l’epoca, si ritiene, che il disegno appartenesse a Taddeo Gaddi. Il progetto era di tre arcate su cui si trovavano due verande e due file di tende .

Corridoio Vasariano

Nel 1565 l’architetto Giorgio Vasari vi ha costruito sopra i negozi, alla richiesta di Cosimo I, un broker (ora noto come Corridoio Vasariano o Corridoio Vasariano ) lungo quasi un chilometro, che collegava il Palazzo Vecchio con Palazzo Pitti , residenza Medici.

L’attuale fisionomia è dovuta a una modifica del 1600 , in cui più negozi sono stati aggiunti a quelli esistenti. In origine, i negozi erano occupati da pescatori, macellai e conciatori, ma nel 1593 Fernando ha ordinato che ci sarebbero dovuti essere solo orafi, argentieri e gioiellieri , perché, si dice, non sopportasse l’odore che si levava dai negozi, del Corridoio Vasariano.

Il Ponte Vecchio è l’unico ponte di Firenze che non fu distrutto durante la seconda guerra mondiale.

I lucchetti del Ponte Vecchio

Una leggenda narra che la coppia che legherà un lucchetto ad una parte della struttura del Ponte Vecchio e getterà la chiave nell’Arno sarà garantita amore eterno.

Una leggenda tanto romantica ha generato tutto questo, per anni, molte coppie hanno voluto immortalare il loro amore in questo modo. Chiunque abbia visitato Firenze  ha avuto modo di vedere questo curioso spettacolo. Purtroppo, per Ponte Vecchio, non ha retto a tutto questo amore era troppo la cui struttura cominciò a essere danneggiata dal peso. Molti lucchetti sono stati rimossi e, al momento, questa pratica è vietata.

Ma ciò che resta intatta è l’atmosfera di questo ponte , uno dei più famosi al mondo. Attraversalo senza fretta e saprai che la magia esiste. Puoi anche passarci sotto di esso facendo una gita in barca sull’Arno, e ottenere splendide viste sui dettagli della sua costruzione.

Indirizzo:
Sull’Arno, da Via Santa Maria a Via dei Guicciardini.
Come arrivare:
Bus C3, D.